Premio “Le Occasioni” 2018

sabato 19 maggio 2018



Mi sono classificato al secondo posto alla prima edizione del Premio letterario “Le Occasioni”, nella sezione A,  Poesia singola. Il concorso nasce da una costola del Premio “Ossi di seppia” ed è anch’esso dedicato alla figura di Eugenio Montale. È organizzato dall’Associazione Mondo fluttuante.   La premiazione si terrà il 16 giugno ad Arma di Taggia, durante il reading Mareinversi. Fornirò ulteriori dettagli in prossimità dell’evento.
Ettore Fobo

La società dello spettacolo – Guy Debord

sabato 5 maggio 2018




Si parla spesso di libri che cambiano la vita ma questa espressione suona un po’ vaga. Si dovrebbe parlare di libri in grado di cambiarci lo sguardo, di aprirci il pensiero, inaugurando orizzonti e mutando il cervello stesso.

Nella mia esperienza questi libri non sono poi così rari, 3, 4 ,5 per decade. La società dello spettacolo di Guy Debord è uno di questi. Lo lessi al liceo nella traduzione storica di Paolo Salvadori per Baldini e Castoldi, cui mi riavvicino oggi superati i quarant’anni. Allora leggerlo fu l’intuizione giusta, era il libro necessario per cominciare a indagare quella cosa che andava scomparendo sotto i nostri occhi, la realtà, a colpi di spettacolarizzazione sempre più ipnotica.

La mia adolescenza fu feconda  di scoperte come questa, inutile citarle tutte ma in questo caso conobbi, attraverso la luce di una scrittura inimitabile e di incomparabile difficoltà, la struttura stessa della società contemporanea, il fondo fangoso della sua alienazione e mi furono forniti i concetti chiave con cui elaborare il lutto del processo di marginalizzazione cui eravamo sottoposti in  quanto consumatori e spettatori.

Perché Debord, come il Pasolini di un altro libro fondamentale e per certi versi complementare, Scritti corsari,  negli anni Sessanta fu voce profetica tanto da poter dire,  più di vent’anni dopo la pubblicazione(1967) de  La società dello spettacolo,  di non essere mai stato smentito in nessuna delle sue tesi.

Suddiviso in 221 aforismi strutturati intorno a una visione, a un’idea unitaria di implacabile lucidità e preveggenza, La società dello spettacolo colpisce per la sua compattezza adamantina,  che brilla già nell’incipit che è un detournement (termine con cui Debord descriveva un tecnica  a metà fra il plagio e la miscitazione) di Marx stesso.
  
“Tutta la vita delle società nelle quali predominano le condizioni moderne di produzione si presenta  come un ‘immensa accumulazione di spettacoli

Rispetto a Marx il termine “spettacoli “sostituisce il termine “merci”, rivelando così implicitamente  la loro inquietante intimità.

Pensieri taglienti, chiari nella loro funambolica espressione, netti, rovesciamenti improvvisi, chiasmi affascinanti, aforismi che dopo analisi estenuanti forniscono la scintilla di una nuova comprensione del mondo.

La società dello spettacolo è un libro con uno scopo, utopistico, onirico, esaltante, impossibile: sovvertire la società, smontare il modello spettacolare fornendo la teoria per una rivoluzione sentita  però come difficile, estrema, non istituzionalizzata nelle forme di allora. Più che una rivoluzione sembra quella che Camus definiva “rivolta” , puro e semplice “no”, elaborato, però, in uno stile di grande bellezza, “no" scagliato contro al “movimento di negazione della vita divenuto visibile” lo spettacolo, perché esso non è innocuo come si credeva è il cuore stesso "dell’irrealismo  della società reale", quando la realtà si è allontanata in una rappresentazione.

È forse paradossale ma leggendo  Debord sento ormai la voce di un classico, un classico dissidente la cui autorevolezza ha la forza del marmo su cui s’incide la  Storia.
E La società dello spettacolo è un classico dell’eversione, sebbene oggi i Situazionisti, di cui Debord fu guida ed ispiratore, siano stati ingeriti, digeriti ed evacuati da quello stesso sistema spettacolare che intendevano demolire. “On n'echappe pas de – à la machine” “ Non si sfugge dalla macchina “ direbbe Deleuze.

Quindi la chiaroveggenza di Debord finisce nel suicidio, non c’è stata la rivoluzione, lo spettacolo, “cattivo sogno della società moderna incatenata”, che prima aveva un significato per quanto dispotico” Ciò che appare è buono, e ciò che è buono appare” è passato alla tautologia,  all’ipse dixit automatico e autoritario  senza bisogno di giustificazioni” Così è”.

Lo spettacolo da regno delle illusioni è diventato la realtà. Così Baudrillard,  negli anni Novanta in cui leggevo per la prima volta La società dello spettacolo,  poteva affermare” La Guerra del Golfo non è mai avvenuta” essendo divenuta lo spettacolo assoluto in un’epoca già volta al virtuale sistematico.

Tuttavia lo sguardo critico s’impone mentre ahinoi il deserto cresce.

Prevedendo  ciò  che sarebbe stato e che ai tempi della scrittura del libro era appena agli albori, Debord scrive del “divenire merce del mondo” analizzando con precisione chirurgica le tecniche strategiche del consumismo,  dove le merci  combattono la più strenua delle battaglie affinché s’imponga su tutto ”la forma merce”. Un oggetto viene posto al centro della vita sociale come fosse la finalità stessa della produzione, oggetto inizialmente aristocratico che racchiude in sé magicamente le tensioni sociali verso quello che Debord chiama ”consumo totale”. L’oggetto magico perde però il suo prestigio nel momento in cui da unico che voleva apparire si  scopre di massa, entrando nelle case di tutti, riacquistando così la volgarità del sistema produttivo che l’ha imposto. Già un altro oggetto però entra sulla scena per riproporre la stessa illusione e il ciclo si ripete.

Così Debord racconta delle ”sottigliezze metafisiche" della merce di cui lo spettacolo è la dimensione apologetica, controcanto costante che esalta non le armi e i cavalieri ma le merci e le loro segrete passioni. Lo spettacolo invade totalmente la realtà perché è l’epitome del consumo, la sua emanazione  che determina la struttura stessa della città  con la messa in circolo di quelle “merci  vedette”  che sono le automobili e la trasformazione di altri quartieri in quartieri museo, per la spettacolarizzazione della Storia, bene di consumo intellettuale. 

Benché profondamente razionale la chiaroveggenza di Debord ha qualcosa di magico. C’è da chiedersi se questi tempi  ricchi di twittatori compulsivi e comunicatori narcisi, così avari di pensiero, sappiano dare visibilità a un’altra critica altrettanto feroce dell’esistente. Io non credo. Credo piuttosto alla marginalizzazione delle voci altre e che un libro pubblicato 51 anni fa continui misteriosamente a insegnarci cos’è la modernità.


Reading a Tellaro

martedì 17 aprile 2018






Essendo risultato fra i segnalati del Premio Ossi di seppia 2018, sono stato invitato alla cerimonia di premiazione del Premio “Il Sublime” - Golfo dei Poeti, in qualità di ospite.  La cerimonia avrà forma di reading e si terrà sabato 21 aprile a Tellaro (Lerici) dalle ore 18.00 nella suggestiva cornice della piazzetta dell’ Oratorio di Santa Maria in Selàa. Io leggerò qualche  poesia tratta dalle mie opere  edite e qualche altra poesia inedita.

Ettore Fobo

Aggiornamento fotografico del 23 aprile: sotto, Ettore Fobo al reading di Tellaro



Vertigine

lunedì 9 aprile 2018






Mucchio di papaveri sbrecciati in un canto,
tenue sorge una musica che avevamo dimenticato,
la musica del nostro principio.

E non importa se a dirlo in versi è una malinconia,
fu il passaggio e la rosa d’ombra credo
inseguita nel suo dislessico sfiorirsi addosso.

Come quando sulla punta dell‘addio
germoglia il ritorno o come quando la lama dell’attimo
sembra perpetuarsi ben oltre la sua eco.

È  una forma di gloria, io credo,
la luccicanza dell’abbandono in tenebroso serpente,
in fantasioso  stordimento di  forme,
laggiù, spazzate via…

La nostra  materia è un filo appeso all’infinito,
un refolo di vento la spezza.

Noi siamo soli
nel guscio della vertigine. 

ottobre 2011


Ettore Fobo.

***
da "Musiche per l'oblio/ Musique pour l'oubli"- Ettore Fobo - traduzione Daniel Dragomirescu - Editura Pim - 2016

Una poesia di Milo De Angelis

lunedì 2 aprile 2018





*
Dolce niente
che mi hai condotto negli anni
del puro suono, quando tutto si diffondeva
dalle vaste novelle dei genitori
e il mondo sconosciuto ci chiamò…

… e tu invece, cupo niente dell’esilio,
niente delle anime senza risposta,
niente infuriato e sanguinante,
ustione del fiore reciso…

dolce niente  e cupo niente
voi siete la stessa cosa per sempre.
**

da “Incontri e agguati”- Milo De Angelis – Mondadori – aprile 2015